Dopo Salvini, su fiscal compact Renzi copia anche ‘sovranisti e populisti’

Lascia un commento

il trio

Il primo banchiere di Renzi  si è (o è stato) suicidato*.

Pare che Serra & Banchieri Rothschild non intendano imitarlo e abbiano dato gli 8 mesi al loro ex Presidente; per questo Matteo Renzi , dopo aver copiato il ‘razzista’ Salvini sulla immigrazione clandestina, ha deciso di copiare anche i ‘ sovranisti e populisti’ che si oppongono al fiscal compact (**), che il suo PD ha messo in Costituzione (!),  pur di recuperare consensi, sostegni  e voti per le prossime elezioni politiche.

I globalizzatori germanocentrici, su pressioni dei banchieri,  prima di scartarlo a vantaggio del Conte Gentiloni o di Franceschini, gli hanno dato un tacito lasciapassare (come quello pre-referendum) per poter dire minchiate elettorali fino alle elezioni, ma qualcosa pare non aver  funzionato:  o lui ha tirato troppo la catena o qualcuno non era a conoscenza dei taciti accordi .

Sta di fatto che all’eurogruppo hanno impallinato e deriso la sua proposta, ‘a reti mediatiche unificate’, di alzare il debito al 2,9% per 5 anni ***.

Da bravo pokerista Matteo fa finta di nulla,  anzi (sulle orme dell’altro pargolo sorosiano, Tsipras) gioca la carta di presentarsi agli italiani come strenuo combattente contro la Commissione, la BCE e la Merkel.

Ora, lui, Piagnone Richetti e Martina (il sosia di Fassino), hanno aperto una lunga campagna elettorale e gireranno l’Italia, sul treno e sui media, con la scusa del libro acchiappavoti di Matteo. Un estremo tentativo di riorganizzare le truppe renziane rimaste nel PD, e di recuperare i ‘fratelli’ e gli opinion leader, di centrodestrasinistra, delle varie regioni e città.

Nonostante lui e le due scimmiette (la terza rimarrà acquattata nei Boschi) non manifestino dubbi o paure, dentro al PDirenzi e nel Governo Renziloni, c’è chi, ligio agli input dei globalizzatori germanocentrici, fa trapelare il proprio dissenso.

Loro, e alcuni giornalisti, pensano che i bluff di Renzi finiranno per favorire chi, come Lega e 5 Stelle dice questo da anni, alienando all’attuale gruppo dei ‘Leopoldini’, impadronitisi del PD, la solidarietà dei popolari, dei socialdemocratici europei e dei loro burattinai della grande finanza, .. e vede già il masso in fondo al tunnel ..

(*) https://www.pressreader.com/italy/libero/20150304/281479274875666

(**)  https://it.wikipedia.org/wiki/Patto_di_bilancio_europeo

(***)  http://www.lastampa.it/2017/07/11/economia/lue-ignora-le-proposte-di-renzi-parliamo-con-ghttps://it.wikipedia.org/wiki/Patto_di_bilancio_europeoentiloni-e-padoan-e0uyUu0cLSEYNVBKuOruDO/pagina.html

 

 

Terrorismo in Europa. Perché ?

Lascia un commento

Il terrore è sempre stato un’arma del potere e la grande finanza è disposta a tutto pur di impedire che i popoli europei si liberino dal suo dominio

UEFA_orthographic_projection_Mapa_UEFA

——————————————————————–

La lotta del così detto ‘mondolibero’ contro il comunismo, era la base giuridico-mediatica e la causa di forza maggiore con cui , per difendere il potere della grande finanza, le forze politiche e quelle di polizia si sentivano in diritto di violare le fondamenta della democrazia e non applicare le rispettive Costituzioni.

Con il crollo del socialismo reale nell’URSS e nei suoi stati satelliti, la strategia elaborata da Cheney, Rumsfeld, Kissinger e Brezinsky, voluta e sostenuta  dagli ideologi della lobby sionista (che vi vedeva il trionfo della tesi  giustificativa della occupazione della Palestina e di territori di altri stati arabi), impose il nuovo nemico del  ‘mondolibero’: l’integralismo-terrorismo islamico.

Tale strategia ha avuto una sua lenta elaborazione, cominciata con il PNAC (https://it.wikipedia.org/wiki/Progetto_per_un_nuovo_secolo_americano) e ufficialmente  varata con il grande crimine, in mondovisione, del 9/11/2001; l’evento fu possibile grazie alla sperimentata collaborazione tra i servizi USA e quelli Sauditi e alla disponibilità di Al Qaeda (organizzazione terroristica da anni alle dipendenze della CIA).

Le guerre, i golpe e le attività delle organizzazioni terroristiche, a cominciare dal criminale comportamento del Generale inglese e gran massone, Rupert Smith, che ubbidendo agli input di Bilderberg e Trilaterale con la Operation Deliberate Force, in Bosnia-Erzegovina,  diede origine alla guerra alla Yugoslavia  (compito portato poi a termine da Massimo D’Alema) sono frutto di questo folle progetto di sottomettete i popoli del globo al potere delle banche e delle multinazionali che controllano gli Stati Uniti d’America.

Le ragioni e le forme con cui il terrorismo arriva in Europa sono molteplici, ma penso che, seguendo l’antico detto latino ‘cui prodest ?’(a chi giova), esso rientri in tale disegno globale; del resto è dalle origini della attuale Unione Europea che , tra alti e bassi, le banche e le multinazionali USA, attraverso la Germania, portano avanti l’occupazione dell’Europa.

Per attivare il terrore in Europa, i servizi hanno avuto a disposizione l’enorme massa di manovra composta dai salafiti, dagli estremisti islamici e dai mercenari, reclutati in Europa (per essere clandestinamente inviati in Kosovo, Libia, Siria, Ucraina … ) ed ora clandestinamente rientrati, mischiandosi ai siriani in fuga dalla guerra e dal terrore;  ma possono anche disporre di  ‘cani sciolti’,  pur guidati da input-appelli di imam e/o agenti, per lo più Sauditi o Qatariani (due monarchie nate, protette e cresciute, sotto il dominio delle multinazionali petrolifere).

Di recente, per cercare di occultare il più possibile i legami tra il terrorismo e i servizi segreti Nato e/o  dei singoli Stati, collaborazionisti della grande finanza (che già, come in Italia, hanno dimostrato  di saper operare con malavita organizzata e mafie per ottenere l’ubbidienza di altri settori dello Stato e di singole personalità, della finanza della politica, dei media e anche del Vaticano), i loro media hanno molto evidenziato che singoli attentati possono anche essere opera di squilibrati, mossi da emulazione verso le gesta dei terroristi.

Tale eventualità esiste, ma analizzando i comportamenti e le coperture avute dai terroristi (contrabbandate per ingenuità e/o dabbenaggine dei servizi dei vari stati), così come il fatto che d’improvviso disponessero di adeguate risorse finanziarie e/o armi ed esplosivi, consentono di collegare questi soggetti al prototipo delle vittime di manipolazione mentale,  come l’MK-Ultra o i ‘Manciurian candidate’ (oggi costruibili dai servizi di almeno 5 paesi, Israele e USA in primis, ma anche Germania , Inghilterrra e Francia).

Il compito del terrorismo in Unione Europea è quello di diffondere la paura, il razzismo e l’insicurezza, in quantità talmente elevata da produrre assuefazione all’idea che solo il potere della grande finanza sul globo possa riportare l’ordine,  portando con se anche il rifiuto a mettere in discussione gli attuali ‘dis-‘ equilibri e strumenti di potere operanti in Europa.

Nel momento in cui, cresce la consapevolezza dei prezzi pagati dai popoli europei con l’introduzione dell’Euro e la concentrazione di potere e sovranità in mano a BCE e Commissione europea (come segnalano le rivolte del popolo greco, le proteste francesi, spagnole e belghe, la stessa Brexit ed il crescente consenso a movimenti e partiti contro l’Euro e questa UE dei banchieri e delle multinazionali), cresce anche il rischio, per banche e multinazionali, che, una dopo l’altra, saltino tutte le casematte con cui difendono la loro occupazione dell’ Europa.

Come le due torri, oltre al lancio del PNAC, servirono ad imporre il Patriot Act, che conferiva poteri assoluti al Presidente, o chi per lui (CIA & Super Loggia), così il loro terrorismo in Europa, verrà usato anche per toglierci altri diritti e altre libertà …e prima o poi, per entrare ufficialmente nella ‘Matrix’,  prepariamoci al Microchip sottocutaneo per tutti, come già programmato dal Bilderberg e dalla Trilaterale.

Per l’1% dei ricchi europei, complici della grande finanza, Uno spettro s’aggira per l’Europa ed è quello che il 99 % del popolo si accorga di essere loro schiavo e che, sotto la spinta popolare, i Governi cambino composizione  e/o orientamento politico, gli Stati si riprendano la loro sovranità o diano vita ad una vera Confederazione Europea, magari dimensionata a base continentale, come il Consiglio d’Europa (in foto).

L’irresistibile ascesa di Padoa Schioppa

Lascia un commento

All’ombra dello SCUDO ROSSO (Rothschild)

Padoa Schioppa è diventato famoso per il grande pubblico, nel 2007, quando era Ministro del Governo Prodi, per il suo invito alle famiglie italiane di mandare fuori di casa i “bamboccioni”, con tale termine poco edificante si riferiva ai ragazzi che restano in casa con i genitori nella fascia dai 20 ai 30 anni.
Era Ministro di un Governo di centrosinistra e invece di affrontare il tema della disoccupazione giovanile e della enorme diffusione del lavoro precario (sviluppatosi per scelta della Confindustria, ma accolto dal Ministro Treu all’epoca del precedente Governo D’Alema), pose i giovani sul banco degli accusati.
Era evidente che lui, come i Ministri e i capi partito che avevano deciso di allontanarsi dal “diritto al lavoro”, sancito nella Costituzione Italiana, e dalla conquista sindacale e sociale del “lavoro stabile”, non avevano alcuna idea di come una persona potesse sopravvivere autonomamente con 7/800 Euro al mese (chi aveva la fortuna di trovare lavoro “occasionale” e “precario” per un intero mese), oppure avendone piena consapevolezza non lo ritenevano un problema loro.
Io ero senatore di maggioranza (2006-2008) e lui era il mio Ministro, ma non lo conoscevo se non per il fatto che era magnificato a sinistra come grande economista e che i giornali avevano parlato di lui come autorevole candidato alla guida della Banca d’Italia; poi mi feci una mia opinione e nell’ottobre 2007 entrai in polemica con la sua illustrazione della finanziaria 2008, in cui parlò dei poveri ma diede denaro ai ricchi.

Altro

Tex Willer, il nemico degli indiani

2 commenti

Mentre Hollywood spacciava i suoi western dove i selvaggi indiani erano sempre i cattivi, attorno ai giornaletti di Tex Willer si raggrumavano quelli che, tra i miei coetanei, stavano “dalla parte degli indiani” (come da quella di Spartacus, dell’ Algeria o del Vietnam…)

Penso che proprio i films western di Hollywood (anche se con il ’68 sarebbero arrivati films come “Soldato blu” e “L’uomo chiamato cavallo”) ed i fumetti italiani di Tex Willer, siano state tra le informazioni base su cui sono state costruite le idee forza di una America  dove i buoni vincono (favorita dall’ansia tutta italiota di stare dalla parte dei vincitori, che occupavano, e tuttora occupano, militarmente la nostra patria).

Il cuore di questa nota è la volontà di liberarmi da un’ingiusta, cinquantennale, ammirazione per Tex Willer che mi fu spacciato come un combattente “dalla parte degli indiani”e  ho ora riscoperto nella reale funzione di un abile ed intelligente collaboratore del genocidio dei pellerossa.

Altro

Afghanistan: occupante italiano suicida

3 commenti

Il recente voto bypartisan per rifinanziare la guerra afghana è stato festeggiato con il primo suicidio di un soldato italiano, che porta a 26 il numero dei cittadini italiani che hanno perso la vita nella sporca guerra.

Ma le veline dell’Aspen per i nostri media chiariscono subito che a noi va ancora bene perchè i militari americani suicidi hanno raggiunto la media di uno al giorno.

Le agenzie della macchina mediatica con cui la grande finanza controlla l’informazione nel mondo, per salvare la faccia di Obama, rimangiatosi le promesse elettorali, hanno accreditato l’immagine di un Obama che vorrebbe una pace rapida, mentre gli afghani, per bocca di Karzai sarebbero più intransigenti e chiederebbero l’invio di nuove armi, nuovi soldati e…. qualche miliardo in più di dollari da gestire.

Altro

Qualche utile idiota griderà al complottismo…

2 commenti

UN’UTILE LETTURA.

Stavo cercando informazioni sulla BP, in riferimento alla catastrofe nel golfo di Messico. Ho scoperto che il suo Presidente si chiama Peter Sutherland e ho voluto saperne di più. Ed ecco uno strano personaggio, Peter Sutherland ……..Wikipédia ci dice:

Peter Sutherland (nato il 25 aprile 1946) è un vecchio uomo politico irlandese.

E’ presidente de l’European Policy Centre, di Goldman Sachs International, della BP (British Petroleum), e anche della sezione Europa della Commissione Trilaterale. E’ anche membro del comitato di direzione del Gruppo Bilderberg. E’ anche direttore non esecutivo della Royal Bank of Scotland.

Dal 1985 al 1989, è stato in carica a Bruxelles in quanto Commissario responsabile della politica per la concorrenza. Tra 1989 e 1993, Peter Sutherland è stato Presidente di Allied Irish Bank. E’ stato direttore generale di GATT e dell WTO dal 1993 al 1995.

Altro

Atene, 4 luglio

Lascia un commento

www.perilbenecomune.net

Video dell’intervento di Fernando Rossi

a partire dal minuto 17.19 (cliccare sul link qui sotto):

http://www.livestream.com/114news/video?clipId=flv_91997329-7c17-40e5-9e10-04c883cc2ea0