ha-stato

Servizi servizievoli e bufale ufficiali

Nel 2003 la triangolazione tra i servizi USA-Britannici e Italiani portò alla fabbricazione di false prove per indurre i rispettivi parlamenti e l’opinione pubblica mondiale a sostenere la necessità di una guerra contro l’Iraq.(*)
Ora, settori degli stessi servizi sono all’opera per costruire un legame tra Putin e non meglio identificati hacker dell’Est Europa che avrebbero violato la rete informatica degli USA, dell’Inghilterra e dell’Italia .
Ma stavolta sembra che alla operazione partecipino o abbiano partecipato solo alcuni settori dei rispettivi servizi e che l’obbiettivo non sia quindi quello di fare la guerra con Putin, ma ‘solo’ quello di mantenere le sanzioni contro la Russia e dare una normalizzata al nuovo Presidente USA.
I media europei e USA della grande finanza l’hanno messo in prima pagina e tra le prime notizie TV, ma la loro fonte stavolta non è un responsabile dei servizi segreti ma solo un articolo del quotidiano inglese The Guardian (sostenitore del partito liberale e propalatore delle veline dell’Aspen Intitute), nel quale non si fa cenno ad alcuna prova ma a proprie fonti, alcune provenienti dai servizi italiani.

Un comunicato ufficiale dei servizi italiani ha invece dichiarato che sono stati rilevati solo dei tentativi anonimi, ma falliti, di entrare nella posta dell’ex Ministro-Conte Gentiloni).
————-
(*)
1) http://www.repubblica.it/online/esteri/iraqattaccotrentatre/blair/blair.html
2) http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/esteri/iraq69/sismicia/sismicia.html

Annunci