gianroberto-e-davide-casaleggio-a-roma-572451

Personalmente, sono un meravigliato estimatore dei giovani (d’anagrafe e di spirito) che sono l’anima e la struttura portante dei 5 stelle (giunti alla comprensione del teatrino, delinquenziale-clientelare, della politica saltando la mia cinquantennale trafila), meno estimatore di chi è poi salito sul carro per avere incarichi elettivi, e ancor meno di Gianroberto Casaleggio, che sta troppo ritardando il generoso e rigoroso passo indietro che ha fatto Beppe Grillo, a cui va tutta la mia stima.

Di fronte alla campagna organizzata da parlamentari ex 5 stelle e PDirenzi, sul presunto spionaggio della Casaleggio & soci sui propri parlamentari, … mentre sarebbe più opportuno lasciar crescere la campagna, nella speranza che possa indurre Casaleggio ad abbandonare la presa, sento invece il dovere morale e politico (per me , o stanno insieme o non hanno senso) di avanzare tre osservazioni:

1) La Casaleggio & Associati, ha già il ‘controllo’ politico organizzativo del Movimento 5 Stelle, costruito insieme a Beppe Grillo, un controllo all’inizio necessario ed indispensabile, ma ora sempre più d’ostacolo, e non aveva (né ha) bisogno di spiare le email delle persone elette e quindi già ‘filtrate’ e approvate, da lui e dalla sua organizzazione.

2) Se la posta elettronica, dei parlamentari eletti per rappresentare i 5 stelle, fosse stata ‘spiata’ dalla Casaleggio & Associati, questa società avrebbe avuto accesso a tutta la posta parlamentare, e si sarebbe sicuramente resa conto per tempo dei contatti/trattative tra il PDirenzi e quanti dei suoi eletti, sottoposti alle sirene dello stipendio pieno e della carriera politica, si accingevano a voltare gabbana…

3) Sorrido, sentendo la Boldrini, insieme a PDirenzi & complici vari, promettere sfracelli se sarà appurato lo spionaggio sui parlamentari 5 stelle… quando è, da anni, noto che  i servizi di USA /Israele spiano tutte le istituzioni ed imprese italiane ed europee .  A proposito, dov’era e cosa ha poi fatto il DS/Margherita/PD/ di D’Alema-Veltroni-Franceschini, quando nel 2007, si scoprì che un senatore (io) era spiato … ma non dai sevizi italiani ?

Annunci